Alfa Romeo Alfa 164 3.0 V6 Q4 - 1993 Nero 1:18

109,95 €

LM095G

Nuovo prodotto

disponibile

  • Laudoracing
  • Scala 1:18
  • Licenza Alfa Romeo
  • Edizione Limitata
  • Stampo Chiuso

Alfa Romeo Alfa 164 3.0 V6 Q4 - 1993 Nero 1:18 (Laudoracing LM095E)

L'Alfa Romeo 164 è una vettura Alfa Romeo berlina prodotta dal 1987 al 1997 nello stabilimento di Arese, ideata come erede di Alfa 6, Alfetta e Alfa Romeo 90 quale ammiraglia della produzione della casa milanese, e basata sul pianale denominato "Tipo4".

Il modello cedette il passo, dopo dieci anni di produzione e 268.757 esemplari prodotti, all'Alfa 166, pur rimanendo a listino in alcune versioni fino ai primi mesi del 1998.

Alla fine degli anni '70 l'Alfa Romeo lanciò i progetti 154 e 156, due nuove vetture a trazione posteriore fortemente sinergiche destinate a sostituire rispettivamente la Giulietta e l'Alfetta.

La crisi in cui versava costrinse ben presto la casa italiana ad abbandonare quasi subito il progetto 154; dopo un tentativo congiunto con Fiat di sviluppare un progetto 156

ampiamente rimaneggiato sul pianale Tipo 4, allora in gestazione per le future Lancia Thema e Fiat Croma, che portò a pochi prototipi, anche tale idea fu abbandonata.

L'acquisizione da parte di Fiat, nel 1986, permise però di sviluppare una vettura sul pianale Tipo 4.

Presentata nel 1987 al salone di Francoforte, è stata un modello fondamentale per l'Alfa Romeo.

Disegnata da Pininfarina, venne dunque sviluppata sullo stesso pianale utilizzato per Fiat Croma, Lancia Thema e Saab 9000

A differenza di queste, che condividevano molti lamierati e il giro-porte, la 164 beneficiò di alcune modifiche alla scocca e alla sospensione anteriore e quindi presentava una

caratterizzazione stilistica molto marcata, grazie al cofano più basso e spiovente e al giro porte differente.

La linea a cuneo le permise di raggiungere un coefficiente di penetrazione aerodinamica Cx di 0,30.

Le dimensioni erano importanti ma non eccessive per la categoria (risultava una delle meno lunghe ma una delle più larghe del segmento) con i 456 cm di lunghezza (467 in versione Super) e 176 di larghezza.

Internamente presentava un abitacolo ampio e confortevole, caratterizzato da un design molto moderno quasi avanguardista, specie per quanto riguarda la consolle centrale che

presentava ordinati decine di pulsanti e vari display digitali, oltre alle miriadi di tasti disposti nell'abitacolo.

Anche il bagagliaio era molto ampio con i suoi 540 litri di capienza.

Come dotazioni era possibile avere anche sedili elettrici riscaldabili con memoria (sia anteriori sia posteriori), climatizzatore completamente automatico, interni in pelle,

specchietto fotocromatico, lavafari a scomparsa, sospensioni con taratura regolabile elettronicamente ed esteriormente delle appendici aerodinamiche dedicate come spoiler

posteriore e minigonne.

Fu il primo modello di alta gamma della casa a trazione anteriore.

I punti forti di questa ammiraglia oltre alla linea molto riuscita furono le elevate prestazioni e l'ottima tenuta di strada, abbinate a una eccellente abitabilità e comfort.

Durante i dieci anni in cui la 164 restò in catalogo ci furono due principali restyling.

Il primo avvenne nel 1990 e riguardò alcuni particolari interni, dai rivestimenti, ad alcuni dettagli come pulsanti del tunnel centrale fino alla nuova gestione del climatizzatore.

Dal punto di vista tecnico vennero migliorate le sospensioni e l'assetto venne abbassato di 3 cm.

Agli inizi del 1992 con la presentazione della media 155 il 2.0 Twin Spark passò da 1962 cm³ a 1995 cm³, poiché equipaggiava entrambi i modelli.

Verso la fine del 1992 ci fu il restyling più noto.

Tale rivisitazione prevedeva due varianti, tra cui quella denominata "Super" che vedeva all'esterno più modifiche.

Esteriormente si presentavano nuovi paraurti e paracolpi laterali contornati da listelli cromati, nuovi proiettori anteriori, restyling della scudo anteriore, nuovi specchietti elettrici

con la possibilità di ripiegamento dall'interno e nuovi cerchi ruota con misure fino a 16 pollici.

Interiormente, fu ridisegnata la grafica della strumentazione, la consolle centrale inclusa la pulsantiera venne modificata, così anche il mobiletto centrale e relativi comandi.

I pannelli porta anch'essi ristilizzati, presentavano nuovi rivestimenti e nuovi accessori, in particolare per il mercato italiano l'adozione degli airbag lato guida e passeggero, già

presenti nelle versioni esportate oltre oceano.

Nel 1993 arrivò l'evoluzione del 3.0 24v portato a 230 CV che consentiva una velocità massima di 245 km/h.  Nello stesso anno arrivò anche la versione integrale.

Laudoracing ci propone in scala 1:18 in edizione limitata il modello del 1993 in colori differenti

Produttore Laudoracing
Scala 1:18
Tipologia Auto Sportiva
Colore Nero
Anno 1993
Edizione Limitata 350 pz
Casa Costruttrice Alfa Romeo
Materiale Resina Senza Parti Apribili
Contenitore Scatola Antirottura

articoli Correlati