Alfa Romeo Alfa 75 1.8 IE 1988 Carabinieri 1:18

119,95 €

LM123B1-PO

Nuovo prodotto

disponibile

  • Laudoracing
  • Scala 1:18
  • Licenza Alfa Romeo
  • Edizione Limitata
  • Stampo Chiuso

Alfa Romeo Alfa 75 1.8 IE 1988 Carabinieri 1:18 (Laudoracing LM123B1-PO)

L'Alfa Romeo 75, denominata Alfa Romeo Milano per i mercati nordamericani, è un'automobile prodotta dall'Alfa Romeo dal 1985 fino al 1993 nello stabilimento di Arese.

La commercializzazione della prima serie (denominata Alfa 75 e non semplicemente 75) fu immediatamente successiva alla presentazione ma, nonostante la strategia volta al contenimento dei costi, i collaudi furono lunghi e molto scrupolosi.

Le versioni "1.6", "1.8" e "2.0 TD" costituivano la base della gamma (paraurti monocolore grigio, indicatori di direzione anteriori arancio, dotazione di accessori ridotta,

cerchi da 13" e, solo per la 2.0 TD, tessuto dei sedili in comune con la 2.0 carburatori), mentre le "2.0" e "2.5i V6 Quadrifoglio Verde" avevano un allestimento più curato

(paraurti con fascia centrale in tinta, cerchi da 14" e dotazione più completa).

Nella metà del 1987, per pochi mesi, alcune modifiche estetiche vengono apportate alle versioni 1.6. e 1.8, portando ad una prima scrematura degli elementi stilistici che la 75

ancora condivideva con le proprie progenitrici di inizio decennio: pur mantenendo la strumentazione con lo stile della prima serie (seppur senza trip computer né

modulo di efficienza), il volante viene sostituito con uno a tre razze derivato da quello dell'Alfa 33, i comandi della ventilazione abbandonano il controllo termostatico e

acquisiscono un commutatore indipendente per il ventilatore (prima integrato nelle regolazioni di temperatura e portata d'aria).

Esternamente la serie ''ibrida'' si riconosce per gli specchietti retrovisori simili a quelli della ''Twin Spark'' (che equipaggeranno tutte le 75 seconda serie), per la

calandra della prima serie, per il gruppo ottico (fari e catarinfrangente) posteriore di colore arancio (come sulla prima serie) ed infine per le nuove targhette di identificazione che

riportano la dicitura ''75'' e non più ''Alfa 75''.

Sul finire del 1988 la 75 subisce un restyling estetico: esteticamente la calandra perde i listelli orizzontali, soppiantati da due prese d'aria a nido d'ape più grandi, mentre i gruppi

ottici posteriori diventano completamenterossi, si decide di mantenere la grafica delle placche identificative posteriori introdotta qualche mese prima, e tutte le versioni ora

ricevono il cofano motore in rilievo (prima elemento distintivo delle versioni più potenti).

Sarà una vettura molto apprezzata dalla clientela.

L'Alfa 75 è stata largamente utilizzata dalle forze dell'ordine e dalle forze armate, italiane e straniere, dalla seconda metà degli anni ottanta al termine degli anni novanta.

L'Arma dei Carabinieri - soprattutto nella motorizzazione 1800 ad iniezione - l'ha usata come vettura di punta nei servizi di pattugliamento del Nucleo Radiomobile.

La Polizia di Stato l'ha impiegata - acquistandone non molti esemplari, a partire dal 1987 circa, e con ulteriori commesse da parte del Ministero dell'interno per gli anni

successivi, fino al 1992 - come auto di punta nel servizio di pattugliamento della Polizia stradale. Le versioni sono quasi esclusivamente quelle con motorizzazione già ad

iniezione da 1800 cm³; alcuni esemplari della prima serie, versione 1987, furono destinati dall'Alfa Romeo ad essere consegnati alla Polizia, ed inseriti già nelle prime commesse.

La 75 fu penalizzata dal fatto che, in quegli anni, la polizia aveva già acquisito numerose Alfa 33, al punto da non richiedere ulteriori consistenti acquisti.

Relativamente numerose furono invece le vetture ad iniezione per la polizia autostradale.

La Squadra Volante - che all'epoca utilizzava invece quasi esclusivamente l'Alfa 33 - impiegò in sostituzione alcuni esemplari di 75 (prevalentemente le prime 1800 carburatori del modello 1987, prese in prestito alla Polstrada) come pantera.

La Guardia di Finanza l'ha impiegata soprattutto come vettura di controllo del territorio e contro il contrabbando, prima nella versione 2.0 a carburatori e poi, dal 1987,

esclusivamente in versione 2.0 Twin Spark.

Successivamente è stata impiegata anche nel servizio "117".

Svariate sono state invece le 75 di servizio acquistate con colori e dotazioni civili, le cosiddette "autocivetta".

È stata impiegata anche dalla Polizia Penitenziaria fino a tempi recenti, oltre che, seppur più sporadicamente, da vari corpi di Polizia Locale e infine da alcuni comandi dei Vigili

del Fuoco.

Il museo delle auto storiche della polizia, per esempio, espone un'Alfa 75 Polizia Stradale II serie.

Laudoracing ci propone in scala 1:18 in edizione limitata il modello del 1988 dei Carabinieri Pronto Intervento 112

Produttore Laudoracing
Scala 1:18
Tipologia Auto Sportiva
Colore Carabinieri
Anno 1988
Edizione Limitata 350 pz
Casa Costruttrice Alfa Romeo
Materiale Resina Senza Parti Apribili
Tema Carabinieri
Contenitore Scatola Antirottura

articoli Correlati